Storia delle scommesse: le origini del betting in Italia

Scritto da: Magdalena Di Meo Aggiornato il: 11/12/2023

Le scommesse sportive in Italia hanno radici relativamente recenti e la loro diffusione e regolamentazione risale solo agli ultimi secoli. In questo articolo ci concentreremo sulle tappe principali che hanno portato alla nascita e all’evoluzione delle scommesse sportive nel nostro Paese.

Le origini delle scommesse sportive

1800 timeline
scegliere sito scommesse ippica

1800

Nascono le scommesse sull’Ippica, ovvero la prima forma di scommesse sportive che ha avuto diffusione in Italia. Questa attività ha avuto un ruolo importante nella crescita del settore delle corse di cavalli.

1946
nascita del totocalcio nel 1946

1946

Nasce il Totocalcio, un gioco di scommesse basato sui risultati delle partite di calcio. Questo gioco ha avuto un grande successo in Italia, diventando un fenomeno di massa che ha coinvolto milioni di persone.

1980 timeline
pallone timeline element

1980

Totonero: lo scandalo italiano del calcioscommesse degli anni ’80. Questo scandalo ha coinvolto diversi club di calcio portando ad una serie di arresti e condanne.

1998
sistema scommesse quota 2

1998

In Italia viene regolarizzato il gioco d’azzardo, portando ad una maggiore trasparenza del settore delle scommesse sportive. Inoltre, la regolamentazione ha reso più facile per le società di scommesse ottenere le licenze necessarie per operare legalmente nel paese.

2002
registrazione sito scommesse aams

2002

Le prime scommesse su internet, che hanno cambiato radicalmente il settore delle scommesse. Le scommesse online hanno permesso agli operatori di raggiungere un pubblico globale e di offrire una vasta gamma di opzioni di scommesse.

2006 timeline
partita di calcio timeline element

2006

Calciopoli, uno dei momenti più bui nella storia del calcio italiano. Il coinvolgimento di diverse squadre di calcio in un sistema di manipolazione delle partite ha scosso il mondo del calcio italiano portando a sanzioni per molte delle parti coinvolte.

 

 

 

2011
calciatore timeline element

2011

Lo scandalo del calcioscommesse, che ha portato ad una maggiore attenzione sulle scommesse illegali e la necessità di una maggiore regolamentazione.

2013
siti scommesse cani virtuali criteri di scelta

2013

Nascono le scommesse virtuali, una forma di scommesse che permette di puntare su eventi virtuali generati in modo assolutamente casuale da un software.

2019
Decreto dignità 2019

2019

Entra in vigore il decreto Dignità, che introduce numerose restrizioni alle attività di scommesse, tra cui il divieto di pubblicità per le società di scommesse sportive, in modo da proteggere i consumatori più vulnerabili dal rischio di sviluppare dipendenza dal gioco d’azzardo.

2022
Cash Out totale

2022

Boom del Cashout, la funzione che consente ai giocatori di chiudere una scommessa in anticipo, ovvero di incassare una parte del loro guadagno o di minimizzare le perdite, anche prima della fine dell’evento su cui hanno scommesso.

2023 timeline
scommesse nel metaverso

2023

Inizia l’era del metaverso, ovvero una nuova frontiera delle scommesse sportive che permette di scommettere su eventi virtuali all’interno di ambienti immersivi in realtà virtuale.

La linea del tempo relativa alla storia delle scommesse in Italia ci mostra come ci siano stati numerosi cambiamenti ed evoluzioni nel corso del tempo: l’invenzione del Totocalcio nel dopoguerra ha rappresentato una svolta nel mondo delle scommesse sportive, mentre gli scandali nel mondo del calcio hanno evidenziato l’importanza di una regolamentazione efficace. Il Decreto Dignità del 2019 ha introdotto nuove norme per proteggere i consumatori e le prime scommesse nel metaverso rappresentano senza dubbio una nuova frontiera per il mondo delle scommesse.

Gli anni del Dopoguerra nel mondo delle scommesse

Gli anni del dopoguerra rappresentano un periodo di grande innovazione e cambiamento nel mondo delle scommesse sportive in Italia. In particolare, il Totocalcio nel 1946 ha segnato una svolta epocale, introducendo per la prima volta un sistema di scommesse basato sulla previsione dei risultati delle partite di calcio.

La nascita del Totocalcio

Nel dopoguerra, l’Italia stava attraversando una fase di ricostruzione economica e sociale e il Totocalcio ha rappresentato un’opportunità economica e di svago per molti italiani, con la possibilità di vincere una grossa somma di denaro investendo solo poche lire.

Tuttavia, non tutti guardavano il Totocalcio in modo positivo: c’era una forte opposizione morale e religiosa a questo tipo di gioco d’azzardo e il governo italiano era preoccupato per il possibile sviluppo di problemi di dipendenza dal gioco.

Ancora oggi, nonostante il settore delle scommesse sportive si sia notevolmente espanso come vedremo più avanti, il Totocalcio continua ad essere uno dei giochi più popolari in Italia, rimanendo un’importante parte della storia delle scommesse sportive in Italia.

Gli anni ‘90 e le prime scommesse legali

Gli anni Novanta hanno visto l’apertura di un nuovo capitolo nella storia delle scommesse sportive nel nostro Paese: dopo decenni di scommesse illegali, il governo italiano decise di regolamentare il settore delle scommesse, aprendo la strada ad una nuova era di scommesse legali.

Le scommesse sportive legali in Italia furono ufficialmente aperte grazie ai Mondiali di calcio di Francia nel 1998: prima di quella data, in Italia era possibile scommettere solo sui cavalli e giocare la schedina del Totocalcio.

Lo scandalo del Totonero

Il Totonero è stato uno dei più grandi scandali del calcio italiano degli anni ’80 che ha coinvolto molti giocatori, allenatori, arbitri e altri attori del mondo del calcio. Nel 1980, venne scoperto un sistema di frode e corruzione che riguardava la manipolazione dei risultati del campionato di calcio italiano, con una modalità simile al Totocalcio ma in maniera illegale.

Il Totonero ha portato alla squalifica di diversi giocatori, allenatori e arbitri ed alla sanzione per diversi club. Se per la giustizia penale il fatto non sussisteva, quella sportiva non ci andò leggera:

 

  • Milan e Lazio: retrocessione in serie B
  • Avellino, Bologna e Perugia: 5 punti di penalizzazione
  • Radiazione per il presidente del Milan Felice Colombo
  • Squalifica da 1 a 6 anni per 18 calciatori coinvolti

1998: l’Italia regolamenta il gioco d’azzardo

Nel 1998, l’anno dei Mondiali di Francia, l’Italia ha regolamentato il gioco d’azzardo, tra cui le scommesse sportive. Questo passo importante portò ad una maggiore legalità e trasparenza del settore. In particolare, la legge stabilì la creazione di un’autorità di controllo per il gioco d’azzardo, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS), con il compito di monitorare e regolamentare tutte le attività di gioco d’azzardo in Italia.

L’introduzione della regolamentazione consentì inoltre allo Stato italiano di raccogliere tasse sulle attività di gioco d’azzardo.

Il 21° secolo: gli scandali nel calcio e l’avvento di internet

L’avvento del 21° secolo ha visto un’esplosione del mercato delle scommesse sportive, con l’arrivo di nuove tecnologie e piattaforme online che hanno reso più accessibile questo settore. Tuttavia, il nuovo secolo ha anche visto un aumento degli scandali nel calcio legati alle scommesse, mettendo in discussione la reputazione del settore e portando ad una maggiore regolamentazione. In questo contesto, internet ha svolto un ruolo cruciale nell’evoluzione del mercato delle scommesse sportive, portando con sé nuove sfide e opportunità.

Calciopoli e calcioscommesse

Calciopoli nel 2006 e lo scandalo del calcioscommesse nel 2011 hanno scosso nuovamente il mondo del calcio italiano, coinvolgendo diverse squadre di Serie A accusate di aver manipolato le partite attraverso l’influenza degli arbitri. Il risultato fu un’ondata di sanzioni disciplinari e penali per le squadre coinvolte ed una perdita di credibilità per il calcio italiano.

Le sanzioni inflitte ai club coinvolti furono le seguenti:

Calciopoli
  • Juventus: revoca del titolo di campione d’Italia 2004-2005; non assegnazione dello scudetto 2005-2006, retrocessione all’ultimo posto nella Serie A 2005-2006 e 9 punti di penalizzazione nella Serie B 2006-2007
  • Fiorentina: 30 punti di penalizzazione nella Serie A 2005-2006 e 15 punti di penalizzazione nella Serie A 2006-2007
  • Milan: 30 punti di penalizzazione nella Serie A 2005-2006 e 8 punti di penalizzazione nella Serie A 2006-2007
  • Lazio: 30 punti di penalizzazione nella Serie A 2005-2006 e e 3 punti di penalizzazione nella Serie A 2006-2007
  • Reggina: 11 punti di penalizzazione nella Serie A 2006-2007 e e 100.000 euro di ammenda
  • Arezzo: 6 punti di penalizzazione nella Serie B 2006-2007
Calcioscommesse
  • Atalanta: 6 punti di penalizzazione in Serie A
  • Sassuolo: ammenda di 20.000€
  • Piacenza: 4 punti di penalizzazione e ammenda di 50.000€
  • Verona: ammenda di 20.000€
  • Cremonese: 6 punti di penalizzazione in Prima Divisione e ammenda di 30.000€
  • Benevento: 6 punti di penalizzazione in Prima Divisione e ammenda di 30.000€
  • Alessandria: retrocessione all’ultimo posto in classifica nella Prima Divisione 2010-2011
  • Ascoli: 6 punti di penalizzazione in Serie B ed ammenda di 50.000€
  • Virtus Entella: Ammenda di 10.000€

Il boom delle agenzie di scommesse on line

Negli ultimi anni, si è assistito ad un vero e proprio boom dei siti di scommesse online, grazie alla crescente diffusione di internet e dei dispositivi mobili. La possibilità di scommettere comodamente da casa o da qualsiasi luogo tramite il proprio smartphone o tablet ha reso il gioco d’azzardo più accessibile e conveniente per un pubblico sempre più ampio. Inoltre, molte agenzie offrono bonus di benvenuto e promozioni per incentivare i nuovi utenti ad aprire un conto ed iniziare a scommettere.

La nascita delle scommesse virtuali

Nel 2013 compaiono sul mercato le prime scommesse virtuali, una nuova forma di scommesse che utilizza tecnologie avanzate per creare eventi simulati al computer. In questo modo, i giocatori possono scommettere su eventi, come corse di cavalli o partite di calcio, che si svolgono in modo totalmente virtuale e basati su algoritmi matematici. Le scommesse virtuali sono diventate sempre più popolari negli ultimi anni grazie all’aumento della qualità e della varietà degli eventi simulati.

Le agenzie di scommesse online offrono diverse tipologie di scommesse virtuali, come corse di cavalli, corse di cani, partite di calcio, corse di auto e moto, e molti altri, consentendo ai giocatori di sperimentare l’emozione delle scommesse sportive anche quando non ci sono eventi reali su cui scommettere.

Un possibile lato negativo delle scommesse virtuali è che, essendo basate su algoritmi e programmi, possono essere soggette a problemi tecnici o malfunzionamenti che potrebbero influire negativamente sulle scommesse dei giocatori. Inoltre, essendo completamente virtuali, possono mancare del fascino e dell’emozione delle scommesse in tempo reale su eventi sportivi reali.

Il Decreto Dignità scuote il mondo delle scommesse

Nel 2019 entra in vigore il Decreto Dignità, con un impatto significativo sul mondo delle scommesse. Tra le restrizioni introdotte dalla normativa troviamo:

Il Decreto Dignità ha avuto un impatto significativo anche sui bonus offerti dalle agenzie di scommesse. In particolare, i bonus scommesse e i bonus benvenuto sono stati resi meno attraenti, poiché gli importi offerti sono stati ridotti e i requisiti di puntata sono diventati più difficili da raggiungere.

Il bonus benvenuto di Betway, che prima del Decreto era del 100% fino a 100€, è stato abbassato poi a 100% fino a 50€ fino ad arrivare oggi a 50% fino a 50€ (con 50 freespins senza deposito)

Il Decreto Dignità è stato accolto con reazioni miste dalla comunità delle scommesse. Mentre alcuni hanno lodato le restrizioni come una mossa per proteggere i consumatori vulnerabili e limitare la diffusione delle scommesse tra i giovani, altri hanno criticato il decreto come una restrizione della libertà individuale e un’ingiustizia fiscale. Tuttavia, nonostante le proteste e le critiche, il Decreto Dignità rimane tuttora in vigore e continua ad influenzare il mondo delle scommesse in Italia.

Le prime scommesse nel Metaverso

Le scommesse nel metaverso rappresentano l’ultima frontiera delle scommesse sportive online e la tappa più recente nel nostro viaggio attraverso la storia delle scommesse.

Il metaverso è un universo virtuale in cui i giocatori possono creare e personalizzare il proprio avatar, interagire con altri utenti e partecipare a giochi e attività: grazie alle tecnologie di realtà virtuale e aumentata, le scommesse nel metaverso offrono un’esperienza di gioco totalmente immersiva e coinvolgente.

Alcune piattaforme di gioco hanno già iniziato a offrire scommesse sulle competizioni di e-sport all’interno del metaverso, ma si prevede che il potenziale delle scommesse nel metaverso si estenderà presto anche ad eventi sportivi reali.

Ci sono ancora molte incertezze riguardo alla regolamentazione e alla sicurezza delle scommesse nel metaverso, poiché le normative del gioco d’azzardo variano da paese a paese e il mondo virtuale non ha confini.

Le nostre conclusioni sulla storia delle scommesse in Italia

Dopo aver esplorato la storia delle scommesse, possiamo affermare che questo mondo è stato costantemente in evoluzione, sia per le tecnologie sempre più avanzate che per le continue modifiche normative. Dalla nascita del Totocalcio alla regolamentazione del gioco d’azzardo, dal boom delle scommesse online al fenomeno delle scommesse virtuali, si può notare come la passione per il gioco e la voglia di vincere siano sempre state presenti nella società.

FAQ – Domande frequenti sulla storia delle scommesse sportive

Chi ha inventato le scommesse sportive in Italia?

La prima forma di scommessa sportiva legale in Italia risale al 1946 con l’invenzione del Totocalcio. Trovate tutte le informazioni riguardanti la schedina più famosa d’Italia nel paragrafo di riferimento.

Quando sono state legalizzate le scommesse in Italia?

Nel 1998 in Italia viene regolamentato il gioco d’azzardo, tra cui le scommesse sportive, con la creazione di un’autorità di controllo per il gioco d’azzardo, l’Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato (AAMS).

Quando è nata la prima agenzia di scommesse online?

La prima agenzia di scommesse online è nata nel 1996, quando Intertops ha lanciato il suo servizio di scommesse sportive su internet, tuttavia, le scommesse online hanno avuto il loro vero boom a partire dagli anni 2000, grazie alla diffusione di internet e alla sempre maggiore disponibilità di servizi di scommesse su piattaforme digitali.

Altre pagine con info sulle scommesse

Prima di andare...
Ecco tre delle migliori offerte a confronto.
Utilizziamo cookie per ottimizzare il nostro sito e la tua esperienza. Continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’uso dei cookie.
Più informazioni Accetta Cookie