Skip to main content

Investire in ETF: guida completa

Ecco a voi una guida completa per investire in ETF nel modo corretto ed apprendere tutte le informazioni possibili su questa particolare categoria di fondi di investimento.

investire-in-ETF-guida-completa

Ma cosa sono nello specifico e come funzionano? Quali sono i migliori etf su cui investire ed i vantaggi di questo strumento? A queste e molte altre domande rispondiamo in questo nostro approfondimento sul mondo degli “Exchange Traded Funds”, partendo dai migliori Broker ETF 2020.

Migliori broker per investire in ETF

# Operatore Bonus
1
XM
4.5/5

100.000€ Virtuali

Maggiori Informazioni
I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdita di denaro. Tra il 74-89% degli investitori perde denaro quando negozia CFD. Considera se puoi permetterti di perdere il denaro investito.
2
Alvexo
4/5

50.000€ Virtuali

Maggiori Informazioni
I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdita di denaro. Tra il 74-89% degli investitori perde denaro quando negozia CFD. Considera se puoi permetterti di perdere il denaro investito.
3
AvaTrade
4.5/5

100.000€ Virtuali

Maggiori Informazioni
I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdita di denaro. Tra il 74-89% degli investitori perde denaro quando negozia CFD. Considera se puoi permetterti di perdere il denaro investito.
4
eToro
4.5/5

100.000$ Virtuali

Maggiori Informazioni
I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdita di denaro. Tra il 74-89% degli investitori perde denaro quando negozia CFD. Considera se puoi permetterti di perdere il denaro investito.
5
Libertex
4/5

50.000€ Virtuali

Maggiori Informazioni
I CFD sono strumenti complessi e presentano un alto rischio di perdita di denaro. Tra il 74-89% degli investitori perde denaro quando negozia CFD. Considera se puoi permetterti di perdere il denaro investito.

Questi indicati sono i TOP 5 broker per investire in ETF, tutti in possesso di regolare licenza (CySec e/o Consob), in grado di offrire servizi finanziari autorizzati in Italia ed in Europa.

Piattaforme complete con un’ampia gamma di prodotti, spread bassi e commissioni azzerate. Ora andiamo a vedere nel dettaglio cosa sono gli ETF.

Cosa sono gli ETF

Gli ETF (Exchange Traded Funds) sono una particolare forma di fondi d’investimento o Sicav (società di investimento a capitale variabile) contrattati in Borsa come un semplice titolo, replicando l’indice di riferimento (Benchmark).

Un ETF può essere equiparato ad un ampio paniere di titoli, il cui valore aumenterà o diminuirà se le performance dei singoli strumenti che lo compongono risulteranno più o meno positive. In questo modo si consente di diversificare il proprio portafoglio cercando di ridurre i rischi legati agli investimenti. Due le principali caratteristiche:

  • quotazione in Borsa
  • gestione passiva

Proprio su quest’ultimo aspetto ruota il successo di questi strumenti, in quanto il rendimento del fondo è legato alla quotazione di un determinato asset e non dipende dall’abilità di trading del gestore.

Ecco perché sono più economici, non richiedendo alcuna commissione. Gli unici costi applicati sono gli spread calcolati in proporzione all’importo contrattato.

Migliori ETF su cui investire

Sono molteplici i mercati disponibili per investire in ETF ed in linea generale la scelta dipende dal livello di propensione al rischio di ognuno. Alcuni sono infatti più volatili, altri maggiormente conservativi. Sulle principali piattaforme di trading online sono disponibili per lo più le seguenti tipologie di indici:

  • azionari
  • singoli paesi
  • mercati emergenti (Cina, Russia, Brasile)
  • settoriali (banche, energia, telecomunicazioni)
  • materie prime
  • obbligazionari
  • società immobiliari

Ad esempio, nello specifico segnaliamo l’MSCI, l’indice rappresentativo dei mercati emergenti oppure l’Energy Select Sector SPDR, quest’ultimo in grado di replicare le principali aziende attive nel settore dell’energia.

Per scegliere correttamente i migliori etf su cui investire è necessario esaminare il rapporto tra rendimento e rischio. Attualmente sono oltre mille gli Etf quotati in Borsa Italiana e ciò fa comprendere l’ampio successo di questa tipologia di prodotti. Adoperando lo strumento dei CFD (contratti per differenza), è possibile facilitare la sottoscrizione ed usufruire di una gestione a zero commissioni, come avviene su alcuni popolari broker del calibro di Avatrade e Libertex.

Investire ETF con CFD: vantaggi

Da quanto visto finora i vantaggi di fare trading online con gli ETF tramite i contratti per differenza sono molteplici. Li possiamo riassumere nei punti seguenti:

  • Diversificazione: investire su un più ampio paniere di titoli o settori di mercato.
  • Bassi costi: contenuti rispetto ad altre tipologie di investimenti. Più conveniente investire su un solo ETF piuttosto che formare singolarmente un gruppo di titoli.
  • Grande flessibilità: possono essere acquistati al rialzo (long) e al ribasso (short).
  • Effetto leva: sulle piattaforme di trading è possibile sottoscrivere una quantità superiore del capitale effettivamente disponibile (il cosiddetto “Leverage”: maggiori possibilità di guadagno ma rischi più elevati).
  • Scambiare piccole quantità: non si è vincolati da contratti onerosi praticati da banche o SIM ma è possibile negoziare piccole quantità.

Come investire in ETF

Abbiamo dunque compreso che gli ETF sono dei fondi che replicano l’andamento di un indice o il prezzo di un asset sottostante. Ad esempio l’ETF sul petrolio andrà a riprodurre le variazioni riscontrate in questo mercato.

A differenza delle azioni che concentrano l’investimento su un singolo bene, gli ETF consentono di diversificare il proprio portafoglio e distribuire l’esposizione su più titoli.

Come fare per investire in ETF? È possibile ricorrere ai contratti per differenza (CFD), molto popolari per essere usati nel trading online su altre tipologie di beni, come il Forex e le Materie Prime.

Sono strumenti derivati che consentono agli investitori di approfittare dei singoli trend, sia positivi che negativi. Con i CFD è dunque possibile negoziare ETF direttamente dalla piattaforma online in modo intuitivo e a costi contenuti.

Gli spread (differenza tra prezzo di acquisto e vendita) si mantengono competitivi come le commissioni per il mantenimento della posizione per più giorni (overnight).

Investire in ETF è molto più conveniente dei fondi tradizionali anche per i bassi costi di gestione, uno dei motivi della maggiore resa. Offrono inoltre una quotazione in tempo reale, proprio come le azioni, da consultare in qualsiasi momento sulle piattaforme dei broker.

L’alternativa classica per investire in ETF è di aprire un conto titoli rivolgendosi direttamente alla propria banca. Una procedura che risulta più lunga e costosa rispetto ai CFD. Meglio prediligere questi ultimi per operare in autonomia o, se inesperti, avvalersi dell’aiuto di un consulente finanziario.

Metatrader ETF: guida passo passo con Avatrade

AvaTrade consente di negoziare dalla piattaforma Metatrader 4 su oltre 250 strumenti finanziari. Disponibile anche una versione demo per applicare le strategie senza rischiare soldi reali.

Spread contenuti, leva fino a 1:5 per i clienti retail e 1:20 per i clienti professionali.
Davvero ampia la gamma di strumenti negoziabili. Per iniziare ad operare con il popolare software di trading ecco i passaggi da compiere:

VISITA AVATRADE

  1. Digitare il tasto sovrastante per collegarsi sulla piattaforma di Avatrade.

  2. Scegliere Metatrader 4.

  3. Scaricare il software MT4 per pc, iOS o sistema Android.

  4. Registrare un nuovo conto.

  5. Selezionare gli ETF con la possibilità di investire con soldi veri o fare uso della versione demo.

Web Trader ETF: guida passo passo con Libertex

Investire in ETF con l’applicazione Web Trader di Libertex è semplice ed intuitivo. Spread pari a zero, commissioni basse ed estrema intuitività della piattaforma sono alcuni dei motivi che spiegano il grande apprezzamento degli utenti verso questo popolare broker.

I passaggi da compiere per iniziare a operare sui mercati finanziari con Libertex sono i seguenti:

VISITA LIBERTEX
  1. Cliccare sul pulsante qui sopra per aprire il portale di Libertex.

  2. Digitare il tasto “Registra un conto”.

  3. Inserire i dati richiesti.

  4. Effettuare il login direttamente online, senza scaricare nulla.

  5. Investire in ETF scegliendo tra l’ampia gamma di strumenti disponibili sulla piattaforma.

Quanto rendono gli ETF

Il rendimento degli ETF in linea generale è dato dalla somma dei guadagni su ogni titolo del fondo. Appare più complicato rispondere in generale a questa domanda investendo con il tradizionale conto titoli della propria banca.

Sono infatti migliaia gli ETF e dovremmo concentrarci soltanto su quelli che hanno avuto le migliori performance per comprendere l’effettivo realizzo. Con i CFD la procedura risulta semplificata e per questo oggi è la preferita di tantissimi trader, soprattutto perché si può operare online sia al rialzo che al ribasso. Per conoscere nel dettaglio cosa significa fare trading in CFD, suggeriamo la lettura della nostra pagina sui migliori broker CFD, dove si avrà anche una panoramica delle migliori piattaforme con cui iniziare.

In generale, dunque, quanto rendono gli ETF? Come tutti i prodotti di investimento, il profitto è strettamente collegato alla corretta previsione di mercato fatta dal trader e pertanto influenzata da diverse variabili.

ETF: cenni storici

I primi ETF apparvero ufficialmente per la prima volta agli inizi del 1993 sul mercato American Stock Exchange (AMEX) degli Stati Uniti. Bisogna invece aspettare il 2000 per lo sbarco di questo strumento su alcune Borse europee, tra cui quella di Francoforte e Londra.

Per quanto riguarda il primo ETF a Piazza Affari, fu lanciato nel mese di settembre del 2002, debuttando nel segmento MTF (Mercato Telematico dei Fondi) dell’MTA (Mercato Telematico Azionario). Da allora il numero di ETF quotati in Borsa è salito vertiginosamente in tutte le piazze finanziarie del mondo.

Conclusioni sull’investimento in ETF

Investire nei mercati regolamentati e diversificare è basilare per ridurre il rischio. Oggi grazie allo strumento degli ETF negoziati tramite i CFD, tutto è reso più semplice, con costi contenuti ed un’operatività a portata di click.

Non serve infatti più rivolgersi al proprio istituto finanziario, ma è sufficiente aprire un conto presso i migliori broker ETF legali in Italia, come ad esempio eToro. In questo modo è possibile operare al rialzo o al ribasso direttamente da pc o smartphone, grazie all’uso di popolari software di trading come Metatrader 4 (MT4). Gli ETF sono prodotti versatili, estremamente liquidi e dai costi ridotti.

Per rimanere aggiornati sul mondo del trading e degli investimenti, suggeriamo di consultare la nostra guida completa al trading online, dove si troveranno molte altre guide specifiche su come fare trading online.

FAQ Investire in ETF - Domande Frequenti

Gli ETF sono dei fondi di investimento che replicano l’andamento di un indice in maniera passiva, sia esso azionario, obbligazionario e di qualsiasi altro tipo. Se desideri saperne di più, visita la sezione introduttiva di questa nostra pagina.

Per investire in ETF puoi scegliere di rivolgerti alla tua banca e impartire un ordine tramite il conto titoli. In alternativa disponibile lo strumento dei CFD (contratti per differenza) presso i migliori broker online. Per maggiori informazioni consulta la classifica dei migliori broker con ETF in questo paragrafo.

Nella scelta di un ETF è necessario tenere conto di una serie di aspetti fra cui la liquidità, il costo, il broker, la valuta di riferimento. Per ulteriori dettagli è possibile leggere questo paragrafo sui migliori ETF su cui investire.